Analisi tattica Milan – Atalanta 2020/2021

⚫️🔵Atalanta

1️⃣La costruzione è sempre un 3+2, ovvero un uomo in più rispetto alla pressione portata dal Milan.
2️⃣La disposizione offensiva della Dea ha le ampiezze sempre occupate dagli esterni, in mezzo invece ci sono i tre attaccanti più uno dei due centrocampisti che accompagnano sempre l’azione. Al contrario delle corsie esterne in mezzo non ci sono punti di riferimento.
3️⃣Il pressing della squadra di Gasperini è sempre alto. Inizia con Zapata e Ilicic che prendono i difensori centrali mentre Pessina prende il play. A seconda di dove viene indirizzata la giocata, sui terzini si alza l’esterno di riferimento mentre l’altro accorcia al centro.
4️⃣Quando il Milan supera la prima pressione ci si abbassa velocemente, il terzo di difesa segue il suo riferimento anche se si apre in fascia, mentre l’esterno opposto stringe e si abbassa sulla linea dei difensori.
5️⃣L’Atalanta ha sempre rotto della linea difensiva con uno dei 3 difensori centrali, quando avviene questo, l’atteggiamento degli altri cambia notevolmente, con gli esterni che accorciano andando a ricreare una linea a 4 e i due centrocampisti centrali che occupano la zona centrale.
Milan🔴⚫️
6️⃣La costruzione anche se fatta con 2 uomini in più non è andata quasi mai a buon fine, e specie nel primo tempo si è ricorso molto spesso al lancio lungo su Ibra.
7️⃣Sullo sviluppo offensivo la squadra ha lavorato in maniera asimmetrica, a destra l’ampiezza era presa sempre da Castillejo dall’altra parte invece Leao veniva dentro il campo dove si univa a Ibra e Meitè mentre la fascia a sinistra l’ha sempre occupata Theo.
8️⃣La pressione offensiva anche se alta è stata sempre fatta con pochi uomini e quindi superata con molta facilità.
9️⃣Nella propria metà campo invece ci si è difesi con tanti uomini, ma l’alta mobilità dei Bergamaschi ha fatto la differenza.
🔟Nonostante l’alta densità di uomini il Milan non è riuscito ad arginare le sortite offensive neanche centralmente.

Share it
× Hai bisogno di aiuto?