Hellas Verona

⚽️ “Sin Rol e l’Hellas Verona”
—————————-
La squadra principale di Verona con un nome non italiano
—————————-
La data di nascita della squadra è sempre stata incerta e incompleta: 1903 o 1904? Per anni le agende del calcio fissano nel 1904 la nascita del Verona (allora Hellas e basta); poi qualcuno scava nella miniera dei ricordi e arriva al 1903.
L’idea del calcio a Verona di quegli anni nasce nelle aule del liceo Maffei, dove il professor Corrubolo, insegnante di Greco, sensibile alle “novità”, sposa la causa degli allievi, convoca un gruppo di amici e getta le basi della nuova società calcistica. Il nome? “Chiamiamola Hellas!”. In omaggio alla Grecia. Raccolta di spiccioli, qualche orologio impegnato ed ecco il fondo sociale per le prime spese: 32 lire.

La maglia iniziale fu una qualsiasi, con partite “locali” contro ragazzi dei dintorni per diversi anni. In città c’era un’altra società ben organizzata con soldi, La Bentegodi, istituzione di ginnastica e scherma. Si sfidarono il 29 aprile 1906, diventando la prima uscita ufficiale del club scaligero.

E’ il via del calcio vero. L’Hellas nel 1907/08 disputa 9 amichevoli cogliendo 7 successi e un pareggio, realizzando 26 gol e subendone 4. Un rullo che va ad interessare altre piazze, anche lontane. Dalle amichevoli si passa ai tornei veri, con la squadra che cresce ed l’accesso all’impianto comunale con l’iscrizione alla federazione sportiva veronese.

Dopo la guerra, con il problema campo sempre esistente e la crisi finanziaria si fonderà una società minore, l’Hellas Verona, anteposta all’ormai Bentego di che stava per entrare nel mondo del calcio. Gli anni passano tra alti e bassi e nel 1929 si chiude il discorso stadio con una nuova fusione: stavolta con la Bentegodi e la Scaligera (squadra giunta in terza divisione): nasce il Verona.

Dopo la seconda guerra mondiale, riesce solo nel 56/57 a tornare in Serie A, con Giorgio Mondadori come presidente. L’anno successivo le grandi spese non permettono di mantenere la categoria tornando ad una nuova fase di crisi che porterà ad una nuova fusione con l’Hellas, squadra di C.

Tornerà in A nel ’68, rimanendoci per 10 anni (finale di Coppa Italia nel 76) ma per poi sprofondare fino a rischiare la C. L’arrivo di Bagnoli nel’81/82 in panchina sancisce la grande rinascita ed il miracolo Verona.
La stagione 1982/83 è a dir poco straordinaria: l’Hellas, neopromosso, chiude il campionato al quarto posto, dopo essere stato per due giornate addirittura primo in classifica, conquistando la prima storica qualificazione a una coppa Europea, la Uefa. Sempre nella stessa stagione la squadra scaligera arriva in finale di coppa Italia dove viene sconfitta ai supplementari del match di ritorno dalla Juventus.

La stagione 1984/85 è quella dello scudetto. Il Verona grazie all’acquisto in estate di Briegel ed Elkjaer compie un salto di qualità decisivo mantenendosi al comando del campionato per tutta la stagione. La città impazzisce per un’impresa che è destinata a rimanere memorabile.
L’anno dopo arriva quindi la prima partecipazione in Coppa dei Campioni, con il Verona eliminata dalla Juventus agli ottavi. Ma sono anni d’oro per i veronesi. Nel ’86 nuovo accesso in Coppa Uefa con l’eliminazione a causa del Werder Brema.
L’era Bagnoli terminerà nella stagione 1989/90, con la retrocessione e i problemi finanziari della società.
Dopo annate anonime in Serie B, bisogna aspettare il 95/96 per il ritorno nella massima serie grazie una grande cavalcata con Perotti allenatore. L’anno dopo però è subito nefasto con il penultimo posto in classifica ed una inevitabile retrocessione.

Le altre annate da ricordare sono quelle con Prandelli in panchina (99-2001) che vince il campionato di B e ottiene un grande 9° posto in classifica l’anno successivo.
Nel 2010-2011, con il record in B di 12 vittorie casalinghe consecutive e l’anno successivo con Luca Toni in attacco a regalare gioie ai tifosi scaligeri in A.

Si arriva ai giorni nostri, con la clamorosa promozione dalla Serie B, con Aglietti preso l’ultimo mese di campionato vincendo addirittura i playoff ; e l’avvento di Juric con il Verona vera e propria sorpresa di questo campionato.

#verona #calcioitaliano #seriea #sinrol #calcio #allenatore #hellasverona #fùtbol #analisitattica #squadredicalcio

Share it
× Hai bisogno di aiuto?